Asana Way al Tratterhof
Asana Way al Tratterhof
Asana Way al Tratterhof
Asana Way al Tratterhof
Asana Way al Tratterhof

Intervista con Francesca

SkYoga al Tratterhof

Francesca al Tratterhof è una collaboratrice versatile su più fronti. Il suo lavoro nel mondo dei massaggi e dei trattamenti di bellezza è caratterizzato dalla stessa passione come quando tiene le sue lezioni di yoga. Il suo orario di lavoro si divide in modo armonioso tra le due aree di attività, molto spesso alcuni ospiti li saluta più di una volta. "Quando aiuto i neofiti dello yoga a fare il "ponte", la mia conoscenza dell'anatomia della schiena è ovviamente molto utile. In questo modo so individualmente fino a che punto posso spingermi con quale ospite, soprattutto se ho già avuto modo di conoscerlo prima durante un'applicazione del corpo". riferisce “Franci", come la simpatica ragazza del nord Italia è chiamata con affetto dai suoi colleghi di lavoro.
Un'altra ragione per cui molti ospiti la visitano più volte durante il loro soggiorno è il fatto che esiste il massaggio giusto per ogni parte della giornata e gli esercizi di yoga si adattano comunque ad ogni momento del giorno.

Massaggi sportivi

"Alcuni ospiti vengono da noi alla beauty farm già prima della loro escursione alle bellezze paesaggistiche della nostra area vacanze. Con un massaggio sportivo mirato stimoliamo i loro muscoli e la giornata di escursioni inizia già con il giusto riscaldamento", spiega"Franci".
Un massaggio sportivo ha altrettanto senso dopo la movimentata giornata all'aperto sul Gitschberg e Co. e in questo caso persegue un obiettivo diverso, ovvero drenare i muscoli dell'acido lattico che si è eventualmente formato. Questo si otterrebbe anche attraverso il cosiddetto stretching passivo.

Aiutare le persone

Francesca ha acquisito il suo know-how su varie tecniche di massaggio e la sua conoscenza dell'Ashtanga-Vinyasa Yoga in innumerevoli corsi e soggiorni pratici in Thailandia. Un bisogno molto personale ha giocato un ruolo decisivo nella sua carriera: "Volevo aiutare le persone. I trattamenti di puro abbellimento senza effetti più profondi non sono mai stati ciò in cui volevo specializzarmi".

Aiutare se stessi

Aiutare le persone... nei primi anni del suo sviluppo, questo significava prima di tutto aiutare se stessa.
"Da adolescente avevo un dolore cronico alla schiena. Il motivo era la scoliosi, che purtroppo non era di natura lieve, ma di media gravità, costringendomi a portare un corsetto ortopedico. Per liberarmi da questo dolore, lo sport e l'esercizio fisico erano non solo utili ma necessari".

La via giusta e la via sbagliata

Inizialmente, Francesca ha scelto un modo di aiutarsi che - come si è poi scoperto - era quello sbagliato per lei. "Mi sono concentrato unilateralmente sull'allenamento con i pesi... attività interessanti di per sé, ma il risultato desiderato non si è verificato. Il mio mal di schiena è rimasto una piaga cronica. Il debole supporto da parte degli insegnanti nelle classi sovraffollate era tutt'altro che produttivo".

Asana Way al Tratterhof

...e poi venne lo yoga

Per necessità, Francesca continuava a cercare una forma di esercizio nuovo per lei che prometteva sollievo. Per coincidenza, si è presentato un corso di yoga nelle sue immediate vicinanze, e lei si è iscritta senza aspettative esagerate.
"Ero l'unica partecipante "sotto i 60 anni" in un gruppo di neofiti assoluti dello yoga.
Era un piccolo gruppo ben gestito con un ottimo supporto da parte dell’istruttrice del corso e soprattutto... il mal di schiena si è immediatamente attenuato un po'".
Parallelamente, la sua sete di conoscenza cresceva.  Non ne aveva mai abbastanza dello yoga fino a quando perfino l'istruttrice del corso le consigliò di perseguire nuovi orizzonti che si adattassero meglio al suo ritmo giovanile.
"Franci" aveva trovato la sua ASANA WAY, il mal di schiena era sempre più assente grazie allo yoga e ora era il momento di aiutare anche altre persone.

Ashtanga-Yoga

Il suo Ashtanga yoga, noto per essere il più duro di tutti gli stili di yoga, è molto impegnativo ed era originariamente usato nell'India centrale per l'addestramento militare. Tuttavia, sotto la giusta supervisione, questo stile è anche molto adatto ai principianti così come ai praticanti avanzati. Come sistema indiano di Hatha yoga, l'Ashtanga (Vinyasa) yoga è un mix di posture molto dinamiche (asanas) e di controllo del respiro (pranayama).
"Nel loro flusso armonioso, le sequenze sono una fonte di relax per i nostri ospiti. Qui al Tratterhof, a 1.500 metri, si può vedere senza limiti in lontananza e si sente questa immensità e vastità non solo nei polmoni, ma anche nella mente", dice "Franci" parlando del Mountain Sky Hotel di Maranza.

Yoga come stile di vita

Asana Way al Tratterhof

Per Franci, lo yoga ha smesso da tempo di essere uno sport; è uno stile di vita che accompagna e arricchisce costantemente la sua vita quotidiana. Le piace paragonare lo yoga alla vita stessa: "A un certo punto arriva il momento in cui il tuo corpo non può o non vuole andare avanti. Allora o ti arrendi, vai nel panico, o un atteggiamento mentale benevolo prende il sopravvento e ti aiuta a gestire la paura e a controllare il corpo. La forza della volontà può essere attivata e allenata. Anche in vacanza".

Perchè praticare yoga in vacanza

Asana Way al Tratterhof

Per Francesca, una vacanza è l'occasione ideale per conoscere lo yoga. La ragione è molto semplice. "Chiunque possa godersi un tramonto, chi grida quando entra in un fresco ruscello di montagna o chi, in piedi sulla cima di una montagna, fa uscire un forte "Sì, ce l'ho fatta!" ha esattamente il prerequisito di base che è necessario anche per lo yoga: la volontà di esplorare e guardare se stessi e l'ambiente." Francesca lo chiama "il mood giusto" in vacanza. "Vedo le mie asana, che preparo per gli ospiti, come uno dei tanti strumenti che il Tratterhof offre ai suoi ospiti per un corretto rilassamento".

Inoltre, soprattutto per i principianti è molto utile se possono fare i loro primi esercizi in un ambiente di assoluta tranquillità come il Tratterhof. "Se ci si vuole concentrare sulla propria respirazione, è un grande plus se non vi è rumore di traffico o di grandi folle a provocare distrazioni. Il mormorio del ruscello o della piscina invece, sono una cosa gradita".

Unione con ciò che ti circonda

Asana Way al Tratterhof

Tuttavia, per “Franci”, lo yoga non significa chiudersi in un altro mondo o addirittura fuggire dalla realtà. "Al contrario! Con lo yoga, si include l'ambiente. Non appena si hanno sviluppato alcuni “skill” essenziali, i rumori dell'ambiente non sono più fastidiosi. Li accetti così come sono senza mettere a rischio in alcun modo il successo dell'esercizio svolto".
A questo punto Franci parla delle sue esperienze in Sri Lanka, dove la vita quotidiana è caratterizzata da un traffico rombante piuttosto che da un silenzio idilliaco. Eppure, lo yoga è possibile e molto popolare soprattutto lì.
"Lo yoga è unione con l'ambiente e se ciò si può imparare nella tranquillità del Tratterhof, sono felice di dare il mio contributo".

Asana per tutti

Asana Way al Tratterhof

Francesca, alias "Franci" è felice di incontrare principianti e praticanti avanzati con i quali le piace scambiare idee e con i quali intende ampliare continuamente il programma SkYoga al Mountain Sky Hotel Tratterhof. Nel frattempo, ha riassunto “10 Asanas Tratterhof” che possono essere eseguite con vari gradi di intensità e sono quindi ugualmente adatte a principianti e praticanti avanzati.
"Per me, semplici asana sono state l'inizio di un nuovo stile di vita più consapevole. Sono convinto che alcuni ospiti del Tratterhof possano fare la stessa esperienza".

Le nostre offerte

Impressioni dal Tratterhof

Richiesta non vincolante